Crea sito

Una storia al giorno: un anonimo 2-0

15 giugno 1998: sono le 14:30 di un pomeriggio marsigliese e due nazionali, quella inglese e quella tunisina, si affrontano nella prima partita del gruppo G.

Gli hooligans, come quasi purtroppo spesso accade, hanno messo a ferro e fuoco la città di Marsiglia e gli scontri tra le tifoserie non rappresentano certamente il miglior presagio per iniziare.

Si gioca e, al fischio finale, gli inglesi avranno la meglio per 2-0, con reti di Alan Shearer e Paul Scholes.

Un anonimo due a zero, ma quello che in molti non sanno è che, più che di calcio, quel giorno si sarebbe potuto parlare d’altro.

Osama Bin Laden aveva escogitato da tempo un piano per fare un attentato durante il campionato del mondo di Francia 98. Il suo bersaglio era la nazionale inglese e l’obiettivo vero erano i giocatori dell’Inghilterra, da uccidere nel numero più alto possibile.

I servizi segreti, attivi e puntuali, fecero sì che tutto saltò: oltre 100 arresti in giro per l’Europa e il piano dello sceicco del terrore rimase solo sulla carta.

Lo spettro di un bis di Monaco 1972 stava per divenire realtà, ma questa volta a Marsiglia e per mano di un gruppo terroristico algerino che, su lettere firmate, aveva pianificato il tutto nei minimi dettagli.

Quella operazione di polizia permise di far passare alla storia quel pomeriggio al Vélodrome come una partita di calcio come tante.

Anni dopo, sempre in uno stadio francese, a Saint-Dénis, degli spari si sentiranno davvero: 13 novembre 2015. Di lì a poco, la storia ci consegnerà una delle serate più tragiche della storia francese ed europea.

Il resto è tutto noto ma, in quel 15 giugno 1998, per fortuna, c’è stato solo un anonimo due a zero.