Crea sito

Tutte ferme. È giusto così

È giusto così. In un momento storico come questo dove, detta in gergo ferroviario, si procede “marcia a vista”, lo sport deve fare la sua parte, anche tutelando atleti e addetti ai lavori.

Il Covid-19, infatti, come tutti i virus, non discerne in base a nessun criterio economico, di nazionalità, di genere, ma colpisce, più o meno duramente e, in alcuni casi, non lascia scampo.

Mi permetto di scrivere questo per ribadire ancora una volta quanto sia importante essere ligi al dovere; mai come ora è fondamentale seguire le indicazioni che ci sono state impartite. È come quando, in campo, devi marcare il giocatore più forte al mondo: devi anticiparne le mosse, capire, nei limiti del possibile, come limitarne la forza: per ora, lo si fa solo con la prevenzione.

Giustamente, in questo bailamme di cose, la Lega Calcio Femminile, presieduta da Ludovica Mantovani, alla quale porgo le mie più sentite condoglianze per la perdita del fratello Filippo, ha deciso e ribadito il FERMI TUTTI, fino a nuova comunicazione.

Il Comunicato Ufficiale N. 109/DCF, tratto dal sito FIGC, testualmente recita:

Campionato Serie A femminile TIMVISION; Campionato Nazionale femminile Serie B; Campionato Nazionale femminile Primavera; Coppa Italia femminile TIMVISION

  • Visto il Comunicato Ufficiale 108/DCF del 10 marzo 2020;
  • visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 aprile 2020 recante “misure urgenti di contenimento del contagio;
  • preso atto della sospensione sino al 13 aprile 2020 degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati, di cui al citato Decreto;
  • visti i Comunicati Ufficiali n. 179/A del 10 marzo 2020 e 182/A del 2 aprile 2020 si dispone la sospensione e il rinvio a data da destinarsi di tutte le gare della Divisione Calcio Femminile (Campionato Serie
    A femminile TIMVISION, Campionato Nazionale femminile Serie B, Campionato Nazionale femminile Primavera, Coppa Italia femminile TIMVISION) in programma durante tutto il periodo di vigenza delle prescrizioni imposte dal D.P.C.M. del 1 aprile 2020 e, comunque, sino a quando le disposizioni statali non modificheranno le stesse.

Giusto così, giusto dare priorità a salute e sicurezza in un periodo come questo, durante il quale possiamo benissimo sfogare la nostra passione per il pallone guardando le partite del passato e seguendo le nostre calciatrici sui social. Ad oggi, accontentarsi dei ricordi e di Instagram basta e avanza e, credetemi, alla ripresa tutto sarà ancora più emozionante, perché apprezzeremo ancora di più quella nostra passione alla quale, per il bene di tutti, abbiamo dovuto rinunciare, ma solo per un po’.