Crea sito

Algarve Cup 2020 – Italia avanti in zona Cesarini

È un’Italia a due facce quella vista in campo questa sera all’Estadio Algarve di Faro: impacciata e poco efficace nel primo tempo, in crescita e vigorosa nella ripresa.

In uno stadio praticamente vuoto, le azzurre, con Linari inizialmente in panchina, partono bene e dopo tre minuti Sabatino conclude verso la porta, ma la difesa lusitana respinge in corner. Al 5′ è Jessica Silva a tentare la conclusione sugli sviluppi di un calcio di punizione, con la palla che termina alta. Passano 7 minuti e la stessa giocatrice è costretta a uscire per infortunio, lasciando il posto a Carolina Mendes al 14′.

Il Portogallo fa male in ripartenza, sfruttando un’Italia imprecisa e generosa nel concedere palloni facili, al 21′ Diana Silva approfitta di un errore delle azzurre e conclude fuori. L’italia risponde con Sabatino, che calcia a rete su torre di Girelli, ma invano, perché la centravanti molisana viene colta in offside.

Al 34′, però, l’errore azzurro viene punito: calcio di punizione dalla sinistra, Giuliani esce a vuoto, Diana Silva salta, sfiora la palla che termina lemme lemme in rete. Portogallo in vantaggio e primo tempo che termina 1-0.

Tra primo e secondo tempo Bertolini cambia Salvai con Linari; l’italia sembra più brillante e al 54′ il tiro di Cernoia è ribattuto da Dolores Silva, sulla respinta, Bonansea si fa sorprendere e non riesce a concludere.

Crescono le azzurre, che, col passare dei minuti, prendono in mano il gioco: tra il 58′ e il 61′ Girelli, Cernoia e Sabatino concludono verso la porta, ma senza fortuna.

Un minuto più tardi, Daniela Sabatino lascia il posto a Tatiana Bonetti. Il Portogallo manifesta un cenno di vita solo al 67′, quando il tiro di Marques da fuori area è parato al suolo da Giuliani. Un minuto dopo, escono Neto e Faria per Norton e F. Pinto, mentre al 72′ sono Rosucci e Bonansea a lasciare il posto a Bartoli e all’esordiente Mascarello.

Il tam tam azzurro porta i frutti sperati al 78′: calcio d’angolo da destra di Valentina Cernoia, sul secondo palo Linari è lesta ad eludere la marcatura e a insaccare, con un colpo di testa a incrociare, alla sinistra di Pereira. 1-1.

Trovato il pareggio, le azzurre ci provano, prima con Girelli, poi con Cernoia, che da calcio di punizione manda alto.

Negli ultimi minuti spazio a Nazareth e Bonfantini, entrate rispettivamente al posto di Mendes e Guagni.

I rigori sembrano ormai la fine più ovvia per questa partita, ma al secondo dei tre minuti di recupero accade l’imprevisto: Cernoia viene messa giù da Marques e per l’arbitro, la messicana Gonzalez, non ci sono dubbi: è calcio di rigore.

Girelli, già col pallone in mano, attende solo il fischio dell’arbitro e dagli undici metri conclude di destro alle spalle di Pereira che tocca, ma senza riuscire a evitare il goal che decreta il successo, a fatica, delle azzurre.

Portogallo (4-3-1-2): Pereira; Borges, Rebelo, Costa, D. Silva; Marques, Faria (68′ Norton), T. Pinto; Neto (68′ F. Pinto); J. Silva (14′ Mendes, 87′ Nazareth), D. Silva. All. Neto

Italia (4-4-2): Giuliani; Guagni (89′ Bonfantini), Gama, Salvai (46′ Linari), Boattin; Cernoia, Rosucci (72′ Mascarello), Galli, Bonansea (72′ Bartoli); Sabatino (62′ Bonetti), Girelli. All. Bertolini

Arbitro: Francia Gonzalez (MEX)

Marcatori: 34′ Diana Silva (P), 78′ Linari, 90’+4 Girelli (rig.)